Donatori

2


Termine Progetto

0


Progetto concluso Condividi

Accoglienza diffusa - Savigliano entra in campo, cercasi Gazebo.

Caritas Interparrochiale Savigliano

L’estate porta con sé il caldo, le fughe al mare, i frutti maturi sugli alberi e di conseguenza molti braccianti in cerca di lavoro nelle nostre campagne.

Sabato 4 luglio è iniziata l’accoglienza diffusa.
La ex struttura situata nel saluzzese, dedicata all’accoglienza di migranti stagionali durante il periodo estivo, non potrà essere utilizzata a causa delle nuove norme vigenti stabilite con l’emergenza sanitaria.

I migranti economici sono stati divisi nei vari territori del cuneese e a Savigliano sono arrivati 11 nuovi ospiti.
Il campo è stato allestito in  Via del Mutuo Soccorso, Savigliano.
Con l’aiuto della Croce Rossa sono stati montati tre tendoni, box e servizi igienici.
La Caritas  ha recuperato invece materassi, cucina da campo, frigo e stoviglie varie insieme all’aiuto dell’associazione Pro-Tetto migranti e MAP.

Ciò che manca è un gazebo ad espansione con coperture laterali 3m x 3m, necessario per mantenere decoroso lo spazio in cui abiteranno.
Il gazebo verrà utilizzato per mettere al riparo cibo, prodotti per le pulizie e materiale igienico.

A prescindere dalle opinioni personali di ognuno, la situazione c’è ed esiste. Girare il volto dall’altra parte servirà a poco quindi tanto vale trovare piccole soluzioni efficienti per il benessere di tutti.

Piccole soluzioni come un gazebo 3×3.
Iniziamo a spargere la voce, insieme possiamo trovare le soluzioni.

 



Come capita in diverse associazioni prima inizi a fare, successivamente decidi di formalizzarti ed essere riconosciuta come tale. La Caritas Interparrochiale di Savigliano nasce nel 2012, ma le sue azioni di solidarietà nei confronti del territorio saviglianese molto prima. Le linee di fondo che hanno identificato gli aiuti attivati dalla Caritas Saviglianese possono essere sintetizzate nelle cinque A: accogliere; ascoltare; accompagnare; aiutare; animare. Oggi sono 50 i volontari che si occupano di monitorare il territorio ed intercettare i bisogni reali. Ogni tanto è difficile chiedere aiuto, ma se ti trovi lungo la loro strada non avrai bisogno di dire molto. Basta che accetti la loro mano.

PROGETTO

CONCLUSO

Sostieni anche questi progetti

D(i)ritti al confine cerca te!

La Clinica di Frontiera a Oulx, in Val Susa, cerca…

Donatori di tempo
0
;

D(i)ritti al confine: ClinicadiFrontiera

Aiutaci a sostenere la prima Clinica di Frontiera sulle Alpi!…

Raccolti
488
5.000
Progetto concluso
;

Stop the Plan(e)! Alternativa possibile

“Stop the Plan(e): alternativa possibile” è un progetto nato dalla…

Raccolti
4.024
5.000
;

HOME AND DRY

Il progetto “HOME AND DRY” è un’azione concreta che ha…

Raccolti
969
10.000
1